down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




Le Tombe dei Giganti

di Giorgio Valdès

In un articolo di Alfonso Stiglitz pubblicato sul numero 1/2006 dei Quaderni di Darwin e titolato “La bella età dei giganti di pietra”, sono presenti  alcuni inserti, uno dei quali riporta interessanti considerazioni sintetiche su quei monumenti, straordinari, misteriosi e per certi versi inquietanti, cui è stata attribuita la denominazione di Tombe dei Giganti.

Proponiamo qui di seguito, nella sua interezza, quanto scrive al proposito il nostro archeologo:

“Si tratta di strutture megalitiche di forma allungata e absidata con all’interno un lungo (fino a 30 m) vano rettangolare pavimentato destinato a sepoltura collettiva di numerosi defunti.

La fronte si presenta a forma di esedra realizzata in modi differenti: con lastre a coltello e con al centro un’alta stele centinata, preferenzialmente nel centro-nord Sardegna ma con qualche sporadica presenza nel sud, e di cui l’esempio più noto è quella di Li Longhi di Arzachena, con una stele alta 3,75 m; mentre nel centro-sud dell’isola la fronte è costituita da un’esedra a filari sovrapposti con al centro un ingresso architravato privo di stele, come nel caso della tomba di Is Concias di Quartucciu.

Il primo tipo pare leggermente più antico del secondo.

Desta qualche meraviglia che una società che mostra chiari indici di gerarchizzazione sociale e territoriale avanzata utilizzi forme funerarie collettive e che il numero sostanzialmente ridotto di queste strutture – ne sono note circa 500 – non sia sufficiente a coprire per secoli le esigenze dei numerosi insediamenti.

L’argomento è indubbiamente insidioso data la maggiore facilità di distruzione e scomparsa delle tombe rispetto ai nuraghi, ma la sproporzione numerica è indubbiamente elevata.

D’altra parte l’assenza, inspiegabile rispetto alle contemporanee società orientali, di tombe «principesche» ha portato a ipotizzare che le tombe dei giganti, appunto, fossero riservate ai gruppi dominanti.

 La storia delle tombe dei giganti, così chiamate per le loro dimensioni imponenti, inizia agli albori della civiltà nuragica, in connessione con i nuraghi a corridoio, e accompagna i nuraghi a tholos in tutta la loro vicenda. Con il Bronzo finale e la fine dei nuraghi anche le tombe dei giganti esauriscono la loro storia lasciando il posto a tombe a corridoio di minore dimensione e prive di esedra e poi a tombe individuali a fossa rivestite di lastre litiche, come negli esempi di Sa Costa di Sardara, di Antas di Fluminimaggiore e soprattutto della necropoli con 33 tombe individuali di Monte Prama di Cabras, dai pressi della quale provengono le note statue nuragiche”.

Nell’immagine: la Tomba dei Giganti de Is Concias a Quartucciu

 

 

 

 

Inserisci un commento su Facebook