down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




Sulcis, BASSO

 Il Sulcis (Maurreddìa in sardo) è un territorio della Sardegna che si estende nella porzione sudoccidentale dell'isola, parte integrante della regione storico-geografica del Sulcis-Iglesiente. Prende il nome dall'antica città punica di Sulki o Sulci, oggi Sant'Antioco.
Tracce dell'utilizzo del nome Sulcis come denominazione della regione si hanno nel Medioevo, quando la parte sud occidentale del Giudicato di Cagliari costituiva la Curatoria del Sulcis, a cui appartenevano i territori ricompresi a sud della valle del Cixerri e dell'omonima curatoria.

Dal punto di vista geografico e geomorfologico, il Sulcis ha una forte caratterizzazione in quanto quasi completamente delimitato dal mare e dall'omonimo massiccio montuoso, che lo isolano dal resto della regione. L'unica via naturale di collegamento è dislocata nella parte orientale del confine settentrionale: il confine è definito fisicamente da uno spartiacque di media altitudine, ma dalla morfologia aspra, che separa il Sulcis dall'Iglesiente ed è interrotto da una stretta fascia di depositi alluvionali che collega il territorio di Carbonia a quello diVillamassargia.

A ovest, la morfologia del territorio è caratterizzata da piane alluvionali del Pleistocene che si estendono lungo tutta la fascia costiera, daPorto Pino (Sant'Anna Arresi) fino a Carbonia e Portoscuso, e si alternano a dolci rilievi collinari. Questo sistema di pianure costiere si inoltra a est, nei territori di TrataliasGiba e Santadi, e a nordest, nei territori di Perdaxius e Narcao, alternandosi con rilievi collinari di bassa o media altitudine, più o meno impervi, e con i depositi alluvionali dellaFormazione del Cixerri (Oligocene). A nord e a est, la morfologia è definita dai rilievi del basamento paleozoico, che trasformano bruscamente il paesaggio da pianeggiante-collinare a impervio e montuoso.

Del Sulcis fanno geograficamente parte le due isole di San Pietro e di Sant'Antioco, quest'ultima unita alla terraferma fin dall'antichità per mezzo di un istmo artificiale.

 

Di particolare importanza è il sistema di stagni costieri che si estende lungo tutta la costa del Golfo di Palmas, che per secoli ha contribuito a rendere malsane e poco ospitali le pianure costiere del Sulcis.

AREA PERIMETRO AB. AL 31.12.2005 COMUNE
31109498 41798,55 2838 CALASETTA
145784320 68196,92 30393 CARBONIA
51307620 64428,78 6466 CARLOFORTE
30075510 35722,82 2129 GIBA
24272066 29926,29 1431 MASAINAS
85388008 54262,34 3396 NARCAO
61658236 36926,07 1734 NUXIS
29862916 22174,23 1445 PERDAXIUS
16909432 19692,6 861 PISCINAS
37952420 44608,21 5330 PORTOSCUSO
36608524 35815,03 2613 S. ANNA ARRESI
88200752 80678,48 11790 S. ANTIOCO
72280944 60804,91 6088 S. GIOVANNI SUERGIU
116258912 50414,32 3711 SANTADI
30911226 28954,89 1123 TRATALIAS
36466584 26652,01 1078 VILLAPERUCCIO

 

 

Monumenti Adottati